Pagine

16 maggio, 2011

Peperoni verdi dolci ... alla fermata del treno!


Qualche giorno fa la mia mamma è venuta trovarmi, e come da sempre fanno tutte le mamme del sud che si rispettino, è arrivata alla stazione portando con se un po' della mia bellissima Puglia in formato commestibile.
Non vi sto a raccontare nel dettaglio tutto quello che conteneva il suo pacco regalo da degustazione, ma penso che avrò materiale per un buon numero dei prossimi post!
Oggi vorrei iniziare dai meravigliosi cornetti, ovvero dai peperoni verdi dolci, che sono arrivati assieme ai capperi e alle acciughe sottosale fatte da papà.
Credo che il modo più comune di preparare i cornetti in Puglia sia quello di friggerli, ma penso che anche la ricetta che segue non sia niente male...

Ingerdienti per 4 persone:

16  peperoni verdi
300 gr. di pangrattato fatto in casa (non troppo sottile)
50 gr. di formaggio Parmigiano grattuggiato
50 gr. di formaggio Pepato siciliano grattuggiato
50 gr. capperi sottosale
10 alici sottosale
prezzemolo
1 dl. di olio evo

sale
pepe

stuzzicadenti per guarnire

carta forno

Lavare i cornetti e asciugarli bene. Tagliare la parte superiore e tenerla da parte perchè servirà per richiuderli, poi svuotare il peperone dai semini.
Lavare le acciughe e i capperi per eliminare il sale in eccesso e tritarli assieme al prezzemolo. Mescolare il trito al pangrattato e a tutti gli altri ingredienti.
Terminare aggiungendo all'impasto 2/3 dell'olio.
Farcire tutti i cornetti col ripieno e chiuderli con il cappelletti, tenendoli fermi con lo stuzzicadenti.

Disporre i cornetti su di una pirofila ricoperta di carta da forno e ungerli con il restante olio.
Infornare a 180° per circa 25 min.

5 commenti:

  1. Il titolo del post è divertente e azzeccato, la ricetta è fantastica, adoro le ricette dal gusto saporito tipico del sud Italia. Non appena trovo i peperoni dolci la provo. Ciao, a presto

    RispondiElimina
  2. Ciao Donatella benvenuta...sono solo alle prime armi e per questo il tuo commento vale doppio! a presto Ale

    RispondiElimina
  3. Il titolo è geniale e tra l'altro li ricorda sul serio i pomodori del caffè del film =)

    RispondiElimina
  4. Ciao Cey, grazie mille! Il film l'avevo visto da poco e così l'associazione è venuta da se.
    A presto
    Ale

    RispondiElimina
  5. Ciao Ale! ma che belle ricette d'esordio! Sono felice e onorata che hai scelto il mio contest, come uno dei primi a cui partecipare!
    E sono curiosa anche di vedere cosa combinerai, dopo questi peperoni fritti alla fermata del treno!
    Un bacio
    Claudia

    RispondiElimina